Pakistan, due provvedimenti a favore delle minoranze religiose

primopiano_2700Islamabad (Agenzia Fides) – Nel Parlamento del Pakistan sono in discussione due proposte di legge su questioni che toccano la vita delle minoranze religiose: la prima è l’istituzione di una speciale “Commissione per i diritti delle minoranze del Pakistan” (Pakistan Minority Rights Commission) e la seconda è la “Legge per la protezione delle minoranze 2016”, che affronta il delicato nodo delle conversioni forzate, facendone un reato penale.
Come appreso da Fides, il primo disegno di legge prevede la creazione di un organo indipendente, che possa vigilare sul rispetto dei diritti umani, formato da 11 membri di diverse religioni ed etnie, senza escludere membri che rappresentino la comunità di maggioranza. La Commissione lavorerebbe soprattutto per una maggiore integrazione e uguaglianza di tutti i cittadini, al di là delle differenze religiose, limitando gli abusi dei diritti umani e la discriminazione.
Il disegno di legge per affrontare le conversioni forzate è un progetto ben articolato. Stabilisce che un minorenne non può cambiare religione prima di raggiungere l’età della maturità (18 anni), “rispettando la libertà di religione e l’interesse del bambino”, afferma in un intervento inviato a Fides il cattolico Peter Jacob, oggi presidente dell’Ong “Centre for Social Justice”. La legge tiene conto del fenomeno di ragazze minorenni cristiane o indù che sono “rapite, violentate e costrette al matrimonio islamico o alla schiavitù”, ricorda Jacob. Inoltre, vi è la minaccia incombente di essere accusati di “apostasia” nel caso in cui una persona lasci liberamente la religione islamica. “Il disegno di legge è quindi uno sviluppo positivo” rileva Jacob, ricordando che già a giugno del 2014 una ordinanza della Corte Suprema aveva imposto al governo di formare una commissione che potesse monitorare il rispetto dei diritti delle minoranze religiose.
“Speriamo che il governo sappia cogliere questa opportunità per una rapida approvazione di questi due disegni di legge – auspica Jacob –, per far compiere al paese decisi passi avanti per contrastare la discriminazione esistente nella società pakistana sulla base della religione”. (PA) (Agenzia Fides 20/10/2016)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Widgetized Section

Go to Admin » appearance » Widgets » and move a widget into Advertise Widget Zone